LIVE-Stream on Facebook:


 __________________________________________________________________________________________________________

 

50x50x50 spazi liberi presenta le opere di artiste ed artisti contemporanei dell’Alto Adige.

Sono loro i protagonisti della mostra. Avvalendosi degli spazi liberi, le loro tematiche sono le tematiche della mostra.

 

“50x50x50 spazi liberi” mostra arte recente di importati artiste ed artisti contemporanei che sono legati all’Alto Adige in modo particolare. Che siano nati qui o che vivano qui o all’estero, o abbiano trovato casa in Alto Adige, vantano una qualificata ed eccellente formazione. Si servono di ogni forma espressiva possibile per un creato artistico moderno e cosmopolita.

 

Con opere di grande fascino e di profondità di pensiero i più di 50 partecipanti trasformano il Forte di Fortezza, costruito per scopi militari in una festa dell’arte. Le loro visioni artistiche danno la possibilità di conoscere la vasta panoramica della produzione artistica altoatesina.

 

Sulla facciata dell’edificio “Secessionsgebäude” a Vienna c’è scritto a grandi lettere

Al tempo la sua arte-all’arte la sua libertà “.

Ogni epoca fa sbocciare la propria arte, a prescindere dal fatto che abbia la possibilità di svilupparsi liberamente.

 

“50x50x50 spazi liberi” è la quinta edizione della biennale 50x50x50 Art Südtirol allestita nel Forte di Fortezza ed è diventata una delle più importanti e più visitate mostre d’arte contemporanea altoatesina. Difende la libertà dell’arte e per questo offre spazi liberi ed irrinunciabili per respirare.

 

 

 


 

Hartwig Thaler hat die Idee und das Konzept 50x50x50 FREIRÄUME entworfen und ist ihr Künstlerischer Leiter: www.hartwigthaler.de

Träger der Ausstellung 50x50x50 FREIRÄUME sind das Landesmuseum Festung Franzensfeste und der Verein Oppidum Franzensfeste.   

 

 

L’idea della mostra  50x50x50 SPAZI LIBERI è stata concepita da Hartwig Thaler, che ne è il direttore artistico: www.hartwigthaler.it

La mostra 50x50x50 SPAZI LIBERI verrà realizzata in collaborazione con il museo provinciale Forte di Fortezza e con l’associazione Oppidum di Fortezza.